NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo
seguici anche su facebook.com/csain.ciclismo seguici anche su facebook.com/ciclismocsain
Stampa

Campionato del mondo Gran Fondo a Poznan - Iryna Bukhanska (asd BURACIA TEAM MILANO) racconta le sue gare

Iryna Bukhanska e Giovanni Colò asd Team Buracia Milano

“Giovedì 29 agosto la gara a cronometro, so già che il risultato sarà pessimo. Per la rottura della clavicola non ho potuto allenarmi specificatamente per via della posizione a crono sconsigliatami i mesi prima dal medico. Infatti arriva un tredicesimo posto che non mi soddisfa.
Ma non mi butto giù, domenica c'è la granfondo e li si punta la maglia iridata. Venerdì con Giovanni Colò facciamo la ricognizione. In alcuni tratti le strade sono pessime e le ruote piangono, urlano pietà.
Partiremo assieme, categorie W40-44 e W45-49: le più agguerrite.   Un percorso di 150 km tutto piatto, un tipo di gara mai fatto, sono un po' preoccupata. Come sarà la media oraria per tutta la distanza? Resisterò?
Domenica 1 settembre ore 9:49 si parte. Andatura tranquilla, a volte anche troppo, a parte qualche rilancio dopo le curve. Al km 80 comincio ad annoiarmi e non solo io. Uffa... ma facciamo sta gara?!!  C’è un primo scatto  ma nessuno reagisce e si capisce subito che si giocherà tutto in volata. Appena dopo il secondo ristoro due ambulanze, la gente per terra, le bici rotte. Ennesima caduta, d'altronde con un percorso così é quasi inevitabile. Al km 130 il ritmo comincia ad aumentare,  sale l'adrenalina, traguardo sempre più vicino. Sono in una buona posizione, si va. A circa 5 km dall'arrivo si buttano tutte in avanti e stringono. Filo il marciapiede a 2mm a oltre 40 km/h, caccio un urlo talmente forte che credo mi abbiano sentito anche all'arrivo. Dietro si sono toccate, le mie orecchie sentono rumore di bici sull'asfalto e quindi seconda caduta nel nostro gruppo: mi è andata bene anche sta volta ma non è ancora finita.
Tutto accade nel finale. Parte la volata e io ci sono! Arrivo ad essere davanti a tutte, vedo il traguardo a poche decine di metri ma tutto ad un tratto purtroppo,  una concorrente  mi taglia la traiettoria e lanciata si porta dietro altre 2. Finisce che al traguardo arrivo quarta ed è una medaglia di legno che un po' mi brucia perché avrei potuto sicuramente lottare per un sogno. Di positivo resta la bella esperienza, i colori, l'orgoglio di indossare la maglia nazionale, lo spirito di una manifestazione che ripaga dei sacrifici di un'intera stagione”.

 

 

 

CSAIn sostiene

LEGA FILO DORO   ROBERTA FOR C  

ffc   duchenne

News

CsainTessera

Le news dai comitati

Gare & Manifestazioni

Affiliazione e Tesseramento

Download

Rubriche

Area Riservata

C.S.A.In.

logoCSAIn

Collegamenti

endurance tour


csainperilsociale


 

logoTempoSport


IL CICLISMO AMATORI


CONI ENTE DI PROMOZIONE x web 2


logo EFCS


CIP

C.O.N.I. European Federation for Company Sport Comitato Italiano Paraolimpico

logo csain_64

C.S.A.IN.

Viale dell'Astronomia, 30 - 00144 Roma
tel 06.54221580 - 06.5918900 - 06.54220602
fax 06.5903242 - 06.5903484

Privacy Policy