NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo
seguici anche su facebook.com/csain.ciclismo seguici anche su facebook.com/ciclismocsain
Stampa

BASILICATA: 16° GRANFONDO DEL VULTURE 03 GIUGNO 2018

 VULTURE

 

Granfondo del Vulture: storia di un successo annunciato

Rionero in Vulture (Potenza) - Coltissimo, sempre ironico, indagatore curioso dei fenomeni culturali (anche quelli considerati "bassi"), quella di Placido è stata davvero una voce unica, nel panorama italiano. Un uomo sempre capace di interpretare lo spirito del tempo, ma che in qualche modo portava dentro di sé anche lo status di grande intellettuale meridionale. Figlio di quel Sud in cui era nato: a Rionero del Vulture, in Basilicata, nel 1929.

Cosa avrebbe pensato il noto giornalista e critico letterario Beniamino Placido della Granfondo del Vulture che si è tenuta domenica nel suo comune natio è impossibile saperlo, ma probabilmente da uomo colto e ironico Placido avrebbe segnalato l’evento organizzato dall’associazione UCD Rionero Il Velocifero come uno dei più importanti eventi amatoriali dell’intero meridione.

E i numeri della sedicesima edizione della Granfondo del Vulture, lo confermano. Mille iscritti e 750 partecipanti fanno della manifestazione organizzata sotto l’egida di CSAIn Ciclismo e inserita nel calendario dei circuiti Scudetto Campano, Centro Italia Tour e Giro dell’Arcobaleno uno dei più prestigiosi eventi ciclistici del meridione.

Un successo reso possibile dalla determinazione di Claudio Lapolla, presidente del sodalizio organizzatore, dalla passione dei tesserati a questo sodalizio che partecipano a tutte le manifestazioni che si svolgono nelle regioni limitrofe e contemporaneamente promuovono l’evento lucano. Dal pacco gara di valore che viene consegnato a coloro che si iscrivono alla gara, ai servizi di assoluta qualità offerti e alla partecipazione gratuita che viene assicurata alle donne.

Secondo successo consecutivo, nella Mediofondo, per il montorese Luciano Adriano (World Cycling Cavaliere CPS) che taglia in perfetta solitudine il traguardo di Rionero in Vulture precedendo di oltre un minuto Antonio Ceglie (Leonessa Takler) e Michele Maggese (Team MMBike Andria) che regola in volata De Feo e Caputi.

“Conoscevo bene il percorso di gara – sottolinea Luciano Adriano vincitore anche della scorsa edizione di questa prova – ho cercato più volte di allungare e fare il vuoto alle mie spalle, ma il gruppo ha sempre risposto alle mie azioni. Ma a trenta chilometri dal traguardo, lungo l’ascesa che conduce ai Laghi di Monticchio ho allungato con decisione e sono riuscito a conquistare subito venti secondi di vantaggio. Grazie alla determinazione e alla volontà di conquistare il successo per la seconda volta sono riuscito a vincere”.

Tra le donne Mara Parisi regala al suo presidente Lapolla una splendida vittoria, conquistata nell’evento organizzato dal suo sodalizio.

Nella prova regina, la Granfondo, si impone un altro campano, Antonio Borrelli portacolori della Team CPS Cycling che nella prima parte della gara resta nel drappello degli inseguitori, visto che tra i fuggitivi vi era anche il suo compagno di squadra Rosolia. Quando quest’ultimo perde contatto dal gruppo di testa Borrelli capisce che è il momento di reagire e si lancia all’inseguimento dei battistrada. In testa intanto hanno allungato l’ex professionista Elia Aggiano (Gruppo Ciclistico Airone) e Piero Zizzi (Ciclisport 2000). Raggiunti i più immediati inseguitori, ai piedi della salita che conduce al valico 113, Borrelli decide di forzare ancora il ritmo di gara: “Mi sono lanciato all’inseguimento di Aggiano e Zizzi, dopo averli raggiunti ho deciso di continuare in perfetta solitudine per tagliare il traguardo in solitudine e ci sono riuscito”. Tra le donne successo di Rosa Colasuonno (Pedale Elettrico) che precede la sua compagna di squadra Rosa Di Nunno.

Uno splendido viaggio alla scoperta di questo comune che si distingue come uno dei maggiori centri del brigantaggio postunitario e dà i natali al più noto brigante dell’epoca, Carmine Donatelli, detto Crocco, il quale in quattro anni sconvolge l’area del Vulture e non solo. Circondato da un territorio ricco di bellezza naturali che domina l’area del Vulture uno dei luoghi più intimi e paesaggistici della terra lucana ricoperto da una fitta e rigogliosa vegetazione favorita dalla naturale fertilità dei terreni.

VULTURE PARTENZA   L'immagine può contenere: 16 persone, persone che sorridono, spazio all'aperto e testo

   

   

 

CLASSIFICHE: http://www.icron.it/services/classifica/icron.php?page=1&numRows=50&gara=2018059

VIDEO:https://www.facebook.com/digitalpoint1/videos/10156473716049846/UzpfSTIyMzA4NDgyNzg3MjkwNDo5NzAyMjQwNTY0OTIzMDc/?fref=nf

FOTO: https://photos.google.com/share/AF1QipM1AZoN84banW0XB5OZaY4dcskEfI6Da1bTsXyF37sTwENkLvywvaMG__wNN-0D3A?key=Z3c0cW9jWTdobGNmQzdfZWhsbHNUTTNuMHlyaVZR

AGGIORNAMENTI SU: http://www.granfondodelvulture.it/2018.html

 

CSAIn sostiene

LEGA FILO DORO   ROBERTA FOR C  

ffc   duchenne

News

CsainTessera

CASELLARIO SANZIONATI

Le news dai comitati

Gare & Manifestazioni

Affiliazione e Tesseramento

Download

Rubriche

Area Riservata

C.S.A.In.

logoCSAIn

Collegamenti

logoTempoSport

IL CICLISMO AMATORI

CONI ENTE DI PROMOZIONE x web 2

logo EFCS

CIP

C.O.N.I. European Federation for Company Sport Comitato Italiano Paraolimpico

logo csain_64

C.S.A.IN.

Viale dell'Astronomia, 30 - 00144 Roma
tel 06.54221580 - 06.5918900 - 06.54220602
fax 06.5903242 - 06.5903484

Privacy Policy