NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo
seguici anche su facebook.com/csain.ciclismo seguici anche su facebook.com/ciclismocsain
Stampa

Piemonte: A Nibbiola incoronati i Campioni Regionali Csain 2^ Serie

WhatsApp Image 2019 07 06 at 18.58.18 1

Nibbiola, paese sito 10 chilometri a sud di Novara, è nota per il castello eretto nel 1198 e tuttora in perfette condizioni, tanto da essere uno dei pochissimi castelli in Italia con un ponte levatoio ancora oggi funzionante.

Qui, in questo centro abitato che sorge sul terrazzo Novara-Vespolate, sabato 6 luglio è andato in scena il Campionato Regionale Csain 2^ serie, organizzato dal GS ’95 Novara della presidente Graziana Antoci con il supporto tecnico della Delegazione Csain Ciclismo di Biella e Vercelli, una splendida dimostrazione della capacità del crescente movimento piemontese di far squadra.

Il caldo si fa sentire fin dal mattino, ma non scoraggia i quasi 200 ciclisti che onorano l’appuntamento schierandosi sulla linea di partenza. Il percorso non prevede asperità importanti, ma il caldo amplifica gli sforzi e la tattica in gara fa il resto: è una gara combattuta dal primo all’ultimo chilometro, nessuno vuol cedere il passo e rinunciare alla maglia ed il gruppo si allunga fino a spezzarsi.

Tra i Gentlemen è Massimo Masciocchi (PassoLento A.S.D.) che con una poderosa volata vince a braccia alzate davanti al portacolori del Team Tartaggia Giorgio Crescente, che si laurea campione regionale della categoria Gentlemen 1. A pochi metri da loro il poirinese Luigi Nigro vince la categoria Gentlemen 2 e conquista il titolo regionale davanti a Massimo Mingoni e Flavio Santi.

Tra i Supergentlemen A vittoria di gara per Giuseppe Barbaini, ma in quanto lombardo non concorre per il titolo e la maglia di campione regionale va sulle spalle di Domenico Succio (Ultra Team).

E’ tempo di gareggiare per giovani e veterani, mentre nella cornice de La Pineta iniziano le premiazioni delle prime categorie e il caldo ancora non vuol diminuire.

Le diverse forze in campo spaccano il gruppo, la fuga prende il largo e i pronostici in zona d’arrivo si susseguono fino all’ultimo giro. All’ultima curva è una divisa neroazzurra a far capolino solitaria: è Saverio Gallello (Busto Garolfo) che va a vincere a braccia al cielo, ma il titolo regionale per la categoria Veterani 1 viene conquistato da un inafferrabile Christian Caruso (Penta Bike). Tra gli Junior è l’atleta di casa Ettore Salvemini (Gc 95 Novara) a indossare la maglia di campione, tra i Senior 2 la veste Fabio Marchisotti (Effebike) ed infine per i Veterani 2 vittoria di gara per il portacolori della Brontolo Bike Massimiliano Peloia e titolo regionale conquistato da Simone Giolo (Bike Team A Ruota Libera).

Terminata la competizione è l’anguria offerta dall’organizzazione a ristorare i partecipanti nella breve attesa delle classifiche.

E infine le premiazioni: alla presenza della Coadiutrice Nazionale Csain Ciclismo Elisa Zoggia, del Presidente Provinciale Csain VCO Luca Buarotti, del Delegato Csain Ciclismo Carlos Nicolello e della bellissima presidente del Gc 95 Novara Graziana Antoci, che in qualità di organizzatrice viene omaggiata della maglia regionale da esporre presso la sede, vengono chiamati prima i Campioni Regionali 2^ serie 2019 tra gli applausi di tutti i presenti e scattate le foto di rito. A seguire si procede con la premiazione della gara, mentre il clima è ancora festoso e già qualcuno pensa alla domenica al mare o alle prossime gare.

I Campioni Regionali Csain Piemonte 2^ serie sono:

Ettore Salvemini (Gc 95 Novara)

Fabio Marchisotti (Effebike)

Caruso Christian (Penta Bike)

Simone Giolo (Bike Team A Ruota Libera)

Giorgio Crescente (Tartaggia)

Luigi Nigro (Team Poirinese)

Succio Domenico (Ultra Team)

Stampa

Campionato Nazionale di Cicloturismo: ultima tappa al Palazzo Occelli

castello di nichelino

Eccoci arrivati, dopo tante bellezze architettoniche e curiosità scoperte sulla storia di Torino e di Casa Savoia, in quel di Nichelino.

Ma prima di rientrare presso il circolo Polesano e scoprire quali delizie gastronomiche si potranno gustare alla festa “Noi e La Città” che avrà inizio giovedì 4 luglio, il percorso del Campionato Nazionale di Cicloturismo di domenica 7 luglio ha ancora una chicca per i partecipanti.

La strada affrontata dal plotone tricolore lambirà infatti Palazzo Occelli, anche conosciuto come il Castello di Nichelino.

Esso è in realtà un’antica casa-forte risalente al Medioevo, acquistata nel 1600 dalla famiglia del Conte Occelli che le diede i connotati della villa, dimora del feudatario, facendo diventare il borgo vecchio il naturale cuore della futura città.

Molteplici sono i legami tra Palazzo Occelli e la Palazzina di Caccia di Stupinigi: a partire dall’originale intonaco “bianco Stupinigi” sostituito solo a metà del Novecento dal “giallo Torino”, proseguendo con i numerosi affreschi interni attribuiti a Gaetano Perego detto il Gaetanino, attivo nella reggia sabauda tra il 1765 e il 1766. Non mancano evidenti richiami alla vicina Palazzina nemmeno nelle geometrie di piante e siepi nel piccolo giardino antistante la facciata principale, e gli stessi mattoni dell’ampliamento sul giardino principale sarebbero databili all’epoca delle costruzioni della Palazzina Reale.

Depredata durante il secondo conflitto mondiale , l’affascinante dimora si è vista sottrarre mobili, tappeti, pavimenti e parte di affreschi.

Attualmente di proprietà privata e completamente restaurata, apre i battenti in occasione di eleganti ricevimenti e occasionalmente su richiesta del Comune di Nichelino per alcuni eventi.

Stampa

Lorenzo Boccardo e Roberto Panepinto vittoriosi a Caramagna

Partenza1

Ultimo sabato di giugno, le temperature africane degli ultimi giorni hanno concesso una piccolissima tregua in Piemonte, ma il termometro supera ancora i 30 gradi e scoraggia molti dalla pratica dello sport all'aperto. 

Ciononostante a Caramagna Piemonte tutto è pronto per disputare la sesta prova del lungo Campionato Provinciale 1^ serie di Torino iniziato ad aprile.

Due le partenze che come consueto dividono le partenze, caldo e fatica la fanno da padroni sul circuito di 26 chilometri da ripetere 3 volte.

Tra i giovani è Lorenzo Boccardo (Team Poirinese) a tagliare il traguardo davanti a Gianni Accornero (Fornasari Auto), con una manciata di secondi di vantaggio su Daniel Altare (Gs Passatore), Danilo Fissore (Team Bike Pancalieri) e Maurizio Melis (Tredici Scott Matergia).

Nella seconda fascia è un inarrestabile Roberto Panepinto (Vigor Cycling Team) ad arrivare in solitaria a braccia alzate. Secondo si classifica Enzo Matta (Zibido San Giacomo) e chiude il podio con una bella volata Maurizio Piacenza (Zard Cavallino Rosso).

Stampa

Incoronati a Locana i Campioni Provinciali della Montagna di Torino

Locana, paese sito al centro della stretta valle Orco, con i suoi 132,8 chilometri quadrati è il comune più esteso della provincia torinese. Conta circa 990 borgate storiche ed è compresa nel Parco Nazionale del Gran Paradiso.

Qui la volontà e la passione sportiva della Proloco danno vita ogni anno alla cicloscalata Locana - Alpe Cialma, in questo 30 giugno 2019 valevole quale prova unica del campionato CSAIn Torino della montagna.

Si parte alle 10.15 per un giro ad andatura turistica per il bel centro storico di Locana quindi, passato il ponte sul torrente Orco viene dato il via volante.

La cronaca dice che, dopo le schermaglie iniziali, al comando si pone un terzetto composto dal V2 Stefano Prandi (bicistore) dallo junior Gioele Gasparetto (Bussolino sport) e dal gentleman Roberto Napolitano (Biella Biking) che, non contento delle fatiche del giorno prima alla Biella - Oropa, si è presentato anche oggi in cerca di gloria.

I tre impongono un ritmo inarrivabile per tutti gli altri e fino ai meno 2 vanno su di comune accordo. Il finale è pirotecnico con alterni tentati di staccarsi e lasciare la compagnia, ma nessuno molla.

L'arrivo è una volata che vede uscirne vincitore il giovane Gasparetto che precede Napolitano con Prandi terzo a 22 secondi che nel finale ha mollato i due scatenati avversari.

Prima, ed unica donna al traguardo, è Ornella Bosco, tredicesima assoluta a circa 13 minuti dal vincitore .... complimenti.

Terminati gli arrivi ed in attesa delle classifiche, gli accaldati protagonisti trovano il modo di rifocillarsi al ristoro con torta di mele, dolci vari e abbondante the.

Redatte velocemente le classifiche si passa alle premiazioni con riconoscimenti per tutti i classificati.

I Campioni Provinciali sono: Andrea Donna (Rodman Azimut Squadra Corse), Giuseppe Perardi (La Compagnia dei Ciclisti), Augusto Bosio (Bikers Team), Manavello Flavio (Rivarolo), Massimo Caputi (As Ciclismo)

Stampa

Campionato Nazionale di Cicloturismo: il viaggio nella storia continua alla Palazzina di Caccia di Stupinigi

Risultati immagini per stupinigi

Lasciata l’Abbazia di Casanova, il gruppo di cicloturisti che domenica 7 luglio disputeranno il Campionato Nazionale di Cicloturismo Csain farà rotta in direzione della Palazzina di Caccia di Stupinigi.
Vero gioiello incastonato nella Corona di Delizie di Casa Savoia, la Palazzina è considerata un vero capolavoro architettonico: con la sua pianta a forma di croce di S. Andrea la costruzione fu iniziata nel 1729 su progetto di Filippo Juvarra per volere di Vittorio Amedeo II, come parte di un progetto più ampio di abbellimento di Torino per condurla allo splendore degno del titolo reale cui era ascesa Casa Savoia.
Luogo di loisir per la caccia nella vita di corte sabauda, sontuosa e raffinata dimora prediletta dai Savoia per feste e matrimoni nel XVIII e XIX secolo, fu nei primi anni dell’Ottocento la residenza prescelta da Napoleone prima e in seguito da Paolina Bonaparte, della quale si possono visitare gli appartamenti.
Nel XX secolo è scelta come residenza dalla Regina Margherita.
Patrimonio dell’UNESCO dal 1997, la Palazzina di Caccia di Stupinigi è sede del museo gestito dall’ordine mauriziano.
Qui i cicloturisti del plotone tricolore transiteranno per poi immettersi nel lungo e maestoso viale, fiancheggiato da cascine e scuderie, che se seguito per 10 km conduce al Palazzo Reale di Torino. Ma il percorso del nazionale di cicloturismo porterà invece i partecipanti al Castello di Mirafiori, che sarà anche la nostra prossima tappa narrativa.

CSAIn sostiene

LEGA FILO DORO   ROBERTA FOR C  

ffc   duchenne

News

CsainTessera

CASELLARIO SANZIONATI

Le news dai comitati

Gare & Manifestazioni

Affiliazione e Tesseramento

Download

Rubriche

Area Riservata

C.S.A.In.

logoCSAIn

Collegamenti

endurance tour


csainperilsociale


 

logoTempoSport


IL CICLISMO AMATORI


CONI ENTE DI PROMOZIONE x web 2


logo EFCS


CIP

C.O.N.I. European Federation for Company Sport Comitato Italiano Paraolimpico

logo csain_64

C.S.A.IN.

Viale dell'Astronomia, 30 - 00144 Roma
tel 06.54221580 - 06.5918900 - 06.54220602
fax 06.5903242 - 06.5903484

Privacy Policy